Andrea Piccolo il Blog

Andrea Piccolo   il Blog

Andrea Piccolo il Blog

"Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici" (Gv 15,13)

Puoi scorrere lo scaffale utilizzando i tasti e

Felicità = Divertimento???

4 febbraio 2008

La felicità è la tematica che i giovanissimi della mia parrocchia hanno trattato ieri al loro incontro…..

Peccato che non ci sono potuto andare….però voglio dire anche la mia e lo farò con questo intervento che sicuramente leggeranno….

L’anno scoroso avevo fatto un lavoro su Aristotele sul libro l’etica nicomachea…un seminario su come l’uomo ricerca la felicità e la raggiunge…….

Ci avevo riflettuto molto…

 

Importante l’attività che hanno fatto…quella sulla ricetta della felicità!!!

Ognuno nella nostra vita cerca di farsela….eh si……;-)

Ma anche l’attività di disegnare come vedono loro la felicità….

 

La felicità è qualcosa di soggettivo…

E’ sarei curiosodi di vedere come ognuno di loro hanno visto e vedono la felicità…..ma non solo disegno perché giustamente pochi sono capaci di disegnare….ma anche con altre forme tipo slogan, frasi, poesie, alcuni di loro scrivono poesie che leggo perché riescono attraverso le parole e non con il disegno ad esprimersi…

 

Forse:

C’è chi la vedrà nel fare quello che vuole

C’è chi la vedrà nel far scomparire la scuola

C’è chi la vedrà nell’essere libera, indipendente

C’è chi la vedrà nell’aver trovato un amico giusto per me

C’è chi la vedrà nell’aver più persone amiche e nel non rimanere solo

Ecc…

 

 

Purtroppo la maggior parte delle persone crede che la felicità non esiste, è un utopia…pensando che in  realtà ogni uomo vive momenti di felicità, quando fa, per esempio, qualcosa che lo diverte, guarda la sua squadra del cuore vincere, fa lo sport che gli piace, si sballa in discoteca etc…

 

Bisogna capire che la felicità non è qualcosa che ci viene dato come agente esterno ma come cosa presente nel nostro interno nel nostro intimo…

Sicuramente ci sono periodi in cui ci risulta più semplice essere felici perchè non ci manca nulla…non abbiamo problemi particolari…e altri in cui ci può risultare molto più difficile perchè le cose brutte accadono a tutti prima o poi nella vita…

Ma se veramente la vera felicità dipendesse da fattori esterni a noi non si spiegherebbero tutti quegli attori cantanti famosi ricchi in salute che tentano il suicidio per esempio….forse in questo periodo un esempio su tutti è quello di britney spears…perchè una ragazza che a quindici anni ha già venduto milioni di dischi ha fatto milioni di dollari è ritenuta una delle più brave o almeno apprezzate nel suo lavoro, tenta il suicidio?????

 

Il vero motivo per cui l’uomo è infelice è che gli manca qualcosa.

Da quando l’uomo (con Adamo ) ha deciso di volere la conoscenza del bene e del male rifiutando quindi la meravigliosa comunione che aveva con Dio fino a quel momento egli è morto spiritualmente…
Nella Genesi capitolo 1 versetto 16… Dio il SIGNORE ordinò all’uomo: «Mangia pure da ogni albero del giardino, 17 ma dell’albero della conoscenza del bene e del male non ne mangiare; perché nel giorno che tu ne mangerai, certamente morirai»….
La morte spirituale dell’uomo ha generato la sua infelicità….
Da quel momento in poi Dio si è adoperato perchè più uomini possibili potessero riconciliarsi con Lui per riavere comunione con Lui e quindi la felicità….

Che cosa impedisce che l’uomo possa avere comunione con Dio? Il peccato!!!!

Dio ha stabilito che il perdono lo si possa avere gratuitamente da parte nostra, ma solamente perchè qualcuno ha pagato al posto nostro, il nostro Signore Gesù Cristo…se credi che Gesù ha pagato al tuo posto per i tuoi peccati otterrai il perdono, quindi sarai riconciliato con Lui e potrai godere della vera felicità……
Questa felicità è quella che vivo ogni giorno…da quando Dio mi ha perdonato…non dipende dal mio conto in banca, dal fatto che piova o ci sia il sole, dal fatto che sia malato o in salute ma semplicemente dal fatto che Dio mi ha perdonato (e continua a farlo ogni giorno, perchè ogni giorno sbaglio) sono stato riconciliato con Lui, la sua benedizione è su di me….

 

Un esempio nella storia dei santi è quella di San Francesco era ricco, forse anche felice, ma era una felicità non completa, ha lasciato tutto è diventato povero ma completamente felice interiormente….

 

Giustamente tutto questo tende alla santità…

 

 

L’ultima cosa su cui puntare molto è far capire la differenza tra DIVERTIMENTO e FELICITA’!

Perché giustamente uno ti può dire che non esistono cose come la vera felicità ma solo momenti felici….chi ti dirà questo vuol dire che non ha capito la differenza tra:

 

Divertimento —> che sono i momenti felici cioè i momenti in cui si diverte

 

Felicità –> che è molto di più del semplice divertimento, il divertimento è solo un momento passeggero, ma la felicità è una cosa duratura

 

 

Molte persone in questo mondo non capiscono la differenza tra divertimento e felicità…molti provano a trovare la felicità nel divertimento, ma le due parole hanno significati diversi….

Il divertimento e la felicità sono entrambi cose buone, ma certamente la felicità è quella che più merita di essere ricercata. La felicità può racchiudere anche il divertimento, ma il divertimento da solo non ci assicura la vera felicità.

 

In Luca al capitolo 15 troviamo la parabola del figlio prodigo… il figlio più giovane chiede al padre di dargli la sua parte di eredità. Il padre gli concede la sua parte di eredità, e il giovane se ne va per il mondo, alla ricerca di quella che egli crede sia la vera felicità.

Comincia a divertirsi e, finché possiede denaro, vive circondato da molte persone che dicono di essere suoi amici….

Quando la sua fortuna è completamente sperperata per tutto il divertimento avuto con i suoi cosiddetti amici, ognuno di questi gli volta le spalle e lo lascia senza un soldo…

Egli quindi va incontro a molta sofferenza e delusione!!!

Comincia a lavorare per un uomo nutrendo i maiali, e poiché è affamato, egli prova persino a mangiare le bucce delle ghiande destinate ai maiali…comincia a pensare ai servi di suo padre che hanno abbastanza pane da mangiare e da conservare, mentre lui non ha niente da mangiare…decide di tornare a casa da suo padre e chiedergli un lavoro come suo servitore…

Ritorna pentito di tutto quello che ha fatto, e suo padre, un uomo retto, lo accoglie come un figlio speciale…alla fine capisce che la vera felicità sta lì, in quella vita semplice insieme alla sua famiglia….

 

Siamo felici quando preghiamo ogni mattina e ogni sera, quando possiamo sentire che il Signore ci ascolta ed è sempre desideroso di benedirci, perdonarci e aiutarci….

 

Siamo felici quando sentiamo i suggerimenti dello Spirito Santo nella nostra vita.….

 

Quando sentiamo lo Spirito nel prendere le importanti decisioni della vita….

 

Siamo felici quando torniamo a casa dopo un giorno di lavoro stressante e stancante, tra le braccia dei nostri familiari che ci dimostrano amore e apprezzamento…..

 

Siamo felici di goderci la famiglia, di riunirci per la serata familiare….

 

Possiamo provare felicità ogni giorno della nostra vita nelle piccole cose che facciamo………

 

Ecco forse è troppo quello che avrei voluto dir loro perciò  è meglio che non ci sono stato se no li avrei uccisi…ehehehe…scherzo!!!!

 

 

A presto!

 

CiAuZ.!!!! 

Annunci

Lascia un Commento . . .

Commenta con educazione e rimanendo in tema.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

commenti

….ma fatto riflettere molto questo intervento….sai Andrea!??;
è proprio vero……la felicità sta in Dio, n colui che ci vuol dare amore, ma che noi tanto respingiamo….per che roba poi??….per credere di raggiungere la felicità….quell\’ambita meta che uno ha nella vita. questa nostra voglia di raggiungere la felicità ci porta su strade sbagliate…lontane da coLui che ce la può dare per l\’eternità, coLui che per espiare i nostri peccati si è fatto crocifiggere…….solo quando capiremo tutto ciò potremmo dire di essere felici, raggiungere quell\’ambita meta della felicità…che poi quando la raggiungi scopri che è solo il punto di partenza di una meravigliosa vita……..in comunione con Lui che tutto pùò!!
P.S.: Sicuramente  se saresti andato all\’incontro i tuoi, vostri ragazzi sarebbero stati fermi ad ascoltare queste bellissime parole, che mi hanno tenuto incollato allo schermo per leggerle e poi meditare!……..GRAZIE ANDREA!!
CiAuZ!!!!

enea

4 febbraio 2008

"L\’uomo  si sente libero ormai soltanto nelle sue funzioni bestiali, nel mangiare, nel bere e nel generare, tutt\’al più nell\’avere una casa, nella sua cura corporale etc…, e che nelle funzioni umane si sente solo più una bestia. Il bestiale diventa l\’umano, l\’umnano diventa il bestiale". La felicità sta secondo me nel riuscirsi a liberarsi dall\’alienazione dal lavoro e dalla prorpia vita sociale, trovare appagamento nella propria vita senza bisogno di usare espedienti come lo sballo da discoteca per eliminare le proprie frustazioni.

Francesco

4 febbraio 2008

bene…ottimo….non esistono solo visioni cristiane…..aspetto altri commenti…
Grazie a voi….
😀

AnDrEa

5 febbraio 2008

Felicità è andarsi a coricare la sera e non rimpiangere niente della giornata.
Felicità è aprire gli occhi al mattino ed essere entusiasti delle cose che si potranno fare.
Felicità è prendere un braccio un neonato.
Felicità è guardare negli occhi un bambino e scoprire che in fondo la vita è semplice.
Felicità è sapere che, qualunque cosa accada, avrai qualcuno che ti tende una mano.

Stefania

10 febbraio 2008

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: